Fortuna

Home / Alberico Gentili / Fortuna
Document Actions


Il Gentili con la larghezza della sua preparazione giuridica aveva contribuito a rafforzare l'espansione dell'influenza del diritto romano nel sistema legale inglese e a dare l'avvio ad una agguerrita scuola di civilisti inglesi. Nella prima fase dopo la sua morte, avvenuta nel 1608, fu soprattutto in Inghilterra, dove il dibattito politico-ideologico ruotò fino alla cosiddetta Rivoluzione puritana del 1640 intorno ad una tematica relativamente omogenea a quella che aveva ispirato la sua opera, che il pensiero del Gentili conservò viva attualità sia sotto il profilo ideologico che tecnico-giuridico.

L'esito della rivoluzione in Inghilterra ridimensionò il ruolo dei civilisti nella giurisprudenza inglese e determinò nel mutato contesto politico l'eclisse della fortuna inglese del Gentili. Solo lo storico Anthony Wood nella sua monumentale storia dell'Università di Oxford (Historia et Antiquitates Universitatis Oxoniensis, Oxonii, 1674) lo indicherà come una delle maggiori glorie di quell'Ateneo. Nell'ambito della cultura europea nei secoli XVII e XVIII l'opera del Gentili ebbe una risonanza piuttosto debole.

I primi segni di una fase nuova della fortuna del Gentili si ebbero in Italia, quando, nell'ambito della riscoperta di fatti e personaggi illustri, l'abate marchigiano Telesforo Benigni raccolse notizie intorno alla vita e all'opera dei fratelli Alberico e Scipione Gentili.

La svolta decisiva maturò a livello della scienza giuridica europea quando nel corso del XIX secolo cominciarono a imporsi nella dottrina internazionalistica le correnti positivistiche che ponevano nella consuetudine o nel 'common consent' il fondamento del diritto internazionale. Da allora le frequenti citazioni all'opera e al contributo del giurista marchigiano testimoniano un crescente interesse.

La piena rivalutazione venne dalle ricerche del prof.Sir Thomas E. Holland che, nella prolusione tenuta all'Università di Oxford il 7 novembre 1874, esaltò il ruolo del giurista italiano nella fondazione del diritto internazionale moderno. Il discorso dell'Holland ebbe eco immediata in Italia, dove l'Università di Macerata, promosse la formazione di un comitato internazionale con il compito di innalzare al Gentili un monumento nazionale e celebrarne solennemente la memoria. In questa fase la strumentalizzazione a fini patriottici ed anticlericali ebbe il sopravvento sull'interpretazione scientifica. Vivacissima fu la reazione della stampa cattolica contro l'iniziativa delle celebrazioni gentiliane. I lavori più notevoli che a livello scientifico affiancarono il movimento per le celebrazioni gentiliane furono gli Studi di Giuseppe Speranza, sulla vita e sulle opere minori (Roma 1876), la traduzione italiana dell'opera maggiore, a cura di Antonio Fiorini (Livorno 1877), il saggio di Aurelio Saffi Di Alberico Gentili e del diritto delle genti (Bologna 1878) e I dialoghi di A. Gentili di B. Brugi (Torino 1898).

Una forte reviviscenza degli studi gentiliani si ebbe in occasione delle celebrazioni del terzo centenario della morte. In un articolo del 1917, Alceo Speranza, deputato al Parlamento e figlio del biografo Giuseppe, considerava l'idea di Wilson maturazione dei principi di giustizia internazionale enunciati dal Gentili.

Con l'avvento del fascismo il culto gentiliano entrò nella fase dell'apologia nazionalistica del "genio italiano", i cui esiti deformanti sono reperibili nel volume di Norberto Mancini Un genio della stirpe. Alberico Gentili da San Ginesio, Civitanova Marche 1937. Nel Gentili non si vedeva solo "l'assertore e campione del primato italiano nel diritto delle genti", ma nelle sue dottrine si cercava l'avallo giuridico della politica estera fascista nonché l'anticipazione di alcuni tratti caratteristici dell'ideologia fascista quali il realismo politico, il riconoscimento del diritto del più forte e l'esaltazione della tradizione romana.

In mezzo a questo fiorire di scritti, emergono alcuni saggi assai sostanziosi che si caratterizzano per un'impostazione scientifica e rigorosa dei problemi attinenti l'interpretazione del pensiero gentiliano. Un'ampia e completa Bibliografia curata da Giorgio Del Vecchio e, preceduta da una breve nota curata dal Bavaj sull'opera del Gentili nel campo del diritto internazionale, fu pubblicata nel 1936 nella Rivista dell'Istituto Italiano di Diritto Internazionale di Roma, diretta da Amedeo Giannini. L'importante studio di G. Astuti, Mos italicus e mos gallicus nei dialoghi "De juris interpretibus" di Alberico Gentili, Bologna 1937 e la ristampa dei Dialoghi De juris interpretibus, Torino 1937, analizzarono largamente l'opera del Gentili nel campo del diritto romano.

Diverso è l'atteggiamento della letteratura straniera nei confronti dell'opera del Gentili. Oggetto quasi esclusivo di studio sono state le opere di diritto internazionale, delle quali tra il 1921 e il 1933 si provvide a fare la riedizione, accompagnata dalla traduzione in inglese, da parte del Carnegie Endowment per la Pace Internazionale (Hispanicae Advocationis libri duo, 1921; De Legationibus libri tres, 1924; De jure belli libri tres, 1933). Queste opere da allora vengono ristampate con regolarità.

La peculiarità della sua metodologia giuridica, fondata su un forte senso della prassi e della realtà della politica internazionale, è all'origine dell'interesse degli studiosi stranieri che sotto questa luce hanno esaminato il significato del Gentili nello sviluppo della dottrina internazionale. Su questa base si mantiene viva la fortuna del Gentili, soprattutto presso gli internazionalisti stranieri, cui competono gli studi più consistenti, come l'estesa monografia di Gesina van der Molen, Alberico Gentili and the Development of International Law. His Life, Work and Times, Amsterdam 1937 e i saggi di K.R. Simmonds: Gentili at Admiralty Bar 1605-1608, 1958; Hugo Grotius and Alberico Gentili, 1959; Gentili on the Qualities of the Ideal Ambassador, 1964.

Nel 1981 viene pubblicata a Padova Alberico Gentili, giurista ideologo nell'Inghilterra elisabettiana di Diego Panizza, uno studio fondamentale per la conoscenza della multiforme opera gentiliana vista e interpretata nel contesto di quella grande epoca di conflitti e trasformazioni che fu il Cinquecento europeo e inglese.

Nello stesso anno viene fondato il Centro Internazionale di Studi Gentiliani che, nell'intento di promuovere la conoscenza e la diffusione dell'opera del giurista marchigiano, si avvale della consulenza del prof. Panizza per i contatti con accademici italiani e stranieri interessati all'argomento. Si forma a partire da quel momento un Comitato Scientifico che ha il compito di indicare gli argomenti da esaminare nel corso dei Convegni, le Giornate Gentiliane, i cui Atti vengono pubblicati presso la Casa Editrice Giuffré di Milano.


Document Actions

Powered by Plone CMS, the Open Source Content Management System

This site conforms to the following standards: